La ‘pastora’ Anne Zell benedice una coppia omosessuale

 

anne-zell-benedizione.jpg

 

 

In questo video andato in onda su Rai 2, potete vedere e udire la benedizione impartita dalla ‘pastora’ valdese Anne Zell a Ciro e Guido, una coppia omosessuale, in un locale di culto della Chiesa Valdese di Milano il 26 Giugno 2011:

‘Guido e Ciro, con abbondanza Dio mandi su di voi le Sue benedizioni, vi sostenga con il Suo amore, amore senza fine, vi mandi il suo Spirito, Spirito di amore, di gioia, di pace, di tenerezza. Vi guidi sul vostro cammino, nella vostra vita insieme, nei vostri progetti, con la Sua luce. Dio è amore. Dio sostenga il vostro amore. Amen’.

 

 

 

Quello che è stato fatto è condannato dalla Parola di Dio.

Gli omosessuali non hanno e non avranno mai la benedizione di Dio nella loro vita, in quanto la Bibbia dice che “la maledizione dell’Eterno è nella casa dell’empio, ma egli benedice la dimora dei giusti” (Proverbi 3:33), e ogni omosessuale è un empio perchè fa ciò che è in abominio dinnanzi a Dio, secondo che dice Dio nella legge: “Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna: è cosa abominevole” (Levitico 18:22). Dio dice anche: “Guai all’empio! male gl’incoglierà, perché gli sarà reso quel che le sue mani han fatto” (Isaia 3:11).

E’ quindi invocare la benedizione di Dio su una coppia di omosessuali è un atto diabolico perchè con questo atto viene trasmesso il messaggio che Dio approva le cose turpi che fanno gli omosessuali, e li benedice quando invece come abbiamo visto Egli li maledice in quanto ha in abominio le cose che fanno.

Ed essendo un atto diabolico – in quanto con esso il male viene chiamato bene, e degli empi vengono trattati come se avessero fatto l’opera de’ giusti – non rimarranno certamente impuniti coloro che lo compiono, secondo che è scritto: “Guai a quelli che chiaman bene il male, e male il bene, che mutan le tenebre in luce e la luce in tenebre, che mutan l’amaro in dolce e il dolce in amaro!” (Isaia 5:20).

Costoro fortificano le mani degli empi, affinché nessuno di essi si converta. Agiscono nella pratica come facevano i falsi profeti in Israele, che dicevano del continuo a quelli che sprezzavano i comandamenti di Dio: ‘L’Eterno ha detto: Avrete pace’; e a tutti quelli che camminavano seguendo la caparbietà del proprio cuore: ‘Nessun male v’incoglierà’, e per questa loro empietà furono rigettati da Dio e saranno coperti “d’un obbrobrio eterno e d’un’eterna vergogna, che non saran mai dimenticati” (Geremia 23:39-40).

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

 

Indietro