6. Che cosa è e cosa rappresenta il battesimo in acqua?

 

Il battesimo in acqua, che noi ministriamo a coloro che hanno creduto perché così ha ordinato doversi fare Gesù Cristo verso coloro che ricevono la sua parola (cfr. Matt. 28:19), è "la richiesta di una buona coscienza fatta a Dio" (1 Piet. 3:21). Ecco perché in colui che ha creduto nel Signore, nel momento in cui sente parlare del battesimo in acqua, nasce il forte desiderio di farsi battezzare e chiede subito di farsi battezzare. Ti ricordi l’eunuco? Ti ricordi come dopo che l’evangelista Filippo gli parlò di Gesù (e ovviamente anche del battesimo in acqua), quando giunsero durante il cammino ad una certa acqua, l’eunuco chiese di essere battezzato? (cfr. Atti 8:26-38) Perché mai fece questa richiesta se non perché sentì subito nella sua coscienza che doveva farsi battezzare per avere una buona coscienza davanti a Dio?

Mediante questo battesimo, il credente testimonia dinnanzi a Dio, agli angeli, e ai santi (come anche dinnanzi al diavolo, ai suoi demoni e ai suoi figliuoli), di essersi ravveduto dai suoi peccati e di avere creduto nel Signore Gesù Cristo, e quindi di avere ottenuto la remissione dei suoi peccati, di essersi riconciliato con Dio. In altre parole, egli annuncia di essere morto al peccato con Cristo, e risorto con Cristo a novità di vita per seguire lui per il resto della sua vita. Questo infatti sta ad indicare l’immersione nell’acqua e la successiva uscita dall’acqua; Paolo spiega questo quando dice ai santi di Roma: "O ignorate voi che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? Noi siam dunque stati con lui seppelliti mediante il battesimo nella sua morte, affinché, come Cristo è risuscitato dai morti mediante la gloria del Padre, così anche noi camminassimo in novità di vita" (Rom. 6:3-4).

Il battesimo è una sorta di segno esteriore attestante la nuova nascita avvenuta nel credente. Detto in altre parole esso è il segno attestante la giustificazione ricevuta dal credente mediante la sua fede in Cristo. Rifacendoci ad una espressione di Paolo da lui usata in relazione al segno della circoncisione ricevuto da Abramo che lui definisce "suggello della giustizia ottenuta per la fede che aveva quando era incirconciso" (Rom. 4:11), possiamo dire che il battesimo è il segno che si riceve quale suggello della giustizia ottenuta mediante la fede quando ancora non si era battezzati in acqua.

 

Indice