17. L’espressione ‘Dio mi ha messo in cuore o gli ha messo in cuore questa o quell’altra cosa’ è un espressione biblica o per lo meno che trova una conferma nella Bibbia?

 

Sì, è un espressione biblica infatti Nehemia scrisse: "Così giunsi a Gerusalemme; e quando v’ebbi passato tre giorni, mi levai di notte, presi meco pochi uomini, e non dissi nulla ad alcuno di quello che Dio m’avea messo in cuore di fare per Gerusalemme; non avevo meco altro giumento che quello ch’io cavalcavo" (Neh. 2:11-12) ed anche: "E il mio Dio mi mise in cuore di radunare i notabili, i magistrati e il popolo, per farne il censimento. E trovai il registro genealogico di quelli ch’eran tornati dall’esilio la prima volta, e vi trovai scritto quanto segue" (Neh. 7:5). E Paolo dice a proposito di Tito, che era un suo fedele collaboratore: "Or ringraziato sia Iddio che ha messo in cuore a Tito lo stesso zelo per voi; poiché non solo egli ha accettata la nostra esortazione, ma mosso da zelo anche maggiore si è spontaneamente posto in cammino per venire da voi" (2 Cor. 8:16-17).

Quando Dio mette in cuore a qualcuno di fare qualcosa questo sente un forte desiderio di fare quella cosa, una forte inclinazione verso quella cosa per cui si sentirà del continuo spinto da Dio verso quella determinata cosa che rientra nel volere di Dio per lui.

 

Indice