8. In un tuo scritto ho letto prendendo spunto da Ebrei 12:6 che "Dio corregge i suoi figliuoli perchè li ama", cosa intendi per 'correzione e flagellare'? in molte chiese si argomenta che in queste correzioni è prevista anche la malattia ritenendo quindi Dio come il mandante del male!!! al fine di educare i suoi figliuoli.

 

Quando dico che Dio ci corregge e ci flagella perchè ci ama intendo dire che lui ci colpisce ANCHE con la malattia quando noi ci ostiniamo a non ubbidirgli. Che Dio corregge o punisce i suoi figliuoli con la malattia è una cosa confermata dalle Scritture del Nuovo Patto. Per esempio molti dei credenti di Corinto per essersi accostati in maniera indegna alla cena del Signore furono colpiti da Dio con la malattia; ecco le parole di Paolo: "Perciò, chiunque mangerà il pane o berrà del calice del Signore indegnamente, sarà colpevole verso il corpo ed il sangue del Signore. Or provi l’uomo se stesso, e così mangi del pane e beva del calice; poiché chi mangia e beve, mangia e beve un giudicio su se stesso, se non discerne il corpo del Signore. Per questa cagione molti fra voi sono infermi e malati, e parecchi muoiono. Ora, se esaminassimo noi stessi, non saremmo giudicati; ma quando siamo giudicati, siam corretti dal Signore, affinché non siam condannati col mondo" (1 Cor. 11:27-32). Come puoi vedere molti dei santi di quella Chiesa furono giudicati dal Signore con la malattia perchè quando mangiavano la cena del Signore non discernevano il corpo del Signore. Quel giudizio era una correzione di Dio datagli affinché essi non fossero condannati con il mondo. Non è forse scritto che "è giunto il tempo in cui il giudicio ha da cominciare dalla casa di Dio" (1 Piet. 4:17)?

Il fatto che Dio mandi le malattie su quelli del suo popolo che si rifiutano di ubbidirgli è anche confermato dalle Scritture dell'Antico Patto. Ecco alcune Scritture che lo insegnano in maniera eloquente: Dio disse agli Israeliti: "L’Eterno dette al popolo una legge e una prescrizione, e lo mise alla prova, e disse: ‘Se ascolti attentamente la voce dell’Eterno, ch’è il tuo Dio, e fai ciò ch’è giusto agli occhi suoi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi, io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandate addosso agli Egiziani, perché io sono l’Eterno che ti guarisco’ (Es. 15:25-26). Come puoi vedere gli Israeliti non avrebbero avuto su di essi nessuna malattia a condizione che avrebbero dato ascolto alla voce di Dio, in caso contrario Dio avrebbe mandato su di essi le malattie che aveva mandato sugli Egiziani, anzi ancora di più: "Se non hai cura di mettere in pratica tutte le parole di questa legge, scritte in questo libro, se non temi questo nome glorioso e tremendo dell’Eterno, dell’Iddio tuo, l’Eterno renderà straordinarie le piaghe con le quali colpirà te e la tua progenie: piaghe grandi e persistenti e malattie maligne e persistenti, e farà tornare su te tutte le malattie d’Egitto, dinanzi alle quali tu tremavi, e s’attaccheranno a te. Ed anche le molte malattie e le molte piaghe non menzionate nel libro di questa legge, l’Eterno le farà venir su te, finché tu sia distrutto" (Deut. 28:58-61).

Quindi è Dio che manda le malattie sui credenti? Non sempre perchè ci sono casi infatti in cui il credente viene colpito con la malattia da Satana con il permesso di Dio per essere provato, come nel caso di Giobbe, un uomo retto e integro che temeva Dio ma che fu, col permesso di Dio, colpito da Satana con un ulcera maligna (cfr. Giob. 2:7) da cui per altro Dio alla fine lo guarì. Occorre dunque discernere quando la malattia è un giudizio di Dio e quando invece è una prova. Purtroppo però in mezzo al popolo di Dio in molti casi manca il discernimento e tanti giudizi di Dio vengono presi per delle prove, e viceversa cioè delle prove vengono prese per dei giudizi di Dio. Tanti Diotrefe, tanti Alessandro il ramaio, tanti ribelli fra i ribelli, che della parola di Dio si fanno beffe e la calpestano a più non posso, sono considerati dei Giobbe, cioè degli uomini giusti e integri, per cui i giudizi di Dio contro di loro sono considerati degli attacchi del diavolo!! Viceversa ci sono casi di credenti timorati di Dio che si studiano di avere una buona coscienza davanti a Dio e davanti agli uomini, che provati da Dio con una malattia vengono considerati dei nemici di Dio!!

Che fare quando Dio ci corregge con una malattia? Riconoscere le proprie disubbidienze da cui non ci si è voluto pentire e abbandonarle implorando il perdono dell'Iddio delle misericordie. Di certo il Signore porgerà il suo orecchio al nostro grido sincero e ci ristabilirà. E invece quando Dio ci prova con una malattia? Pregarlo del continuo affinché allontani da noi la malattia.

 

Indice