5. Gli Ebrei aspettano tutti il Messia? E come se lo aspettano?

 

No, non tutti gli Ebrei aspettano la venuta del Messia; quelli che lo aspettano sono gli Ortodossi e gli Ultraortodossi, cioè quelli che stanno maggiormente attaccati alla Torah e alla tradizione. Il dodicesimo articolo di fede formulato dal filosofo ebreo Moses Maimonide (1136-1204), i cui scritti in ambito ortodosso sono ancora molto apprezzati (alcuni ortodossi però non li apprezzano affatto perché Maimonide negò alcune dottrine ebraiche), afferma: "‘Io credo con piena, ferma e sincera fede all’avvento del Messia, e anche se egli tarda a venire, aspetterò tutti i giorni il suo avvento’. Questo articolo di fede fu recitato da molti Ebrei durante il periodo nazista mentre venivano portati nelle camere a gas per essere messi a morte.

I Giudei Riformati, quelli Liberali e molti altri invece hanno abbandonato la speranza nella venuta di un Messia personale sostituendola con quella di un età messianica costruita dagli uomini senza bisogno dell’intervento di un unto di Dio. In altre parole per loro l’età messianica non avrà bisogno di nessun Messia che la inauguri, perchè essa sarà il frutto della collaborazione di tutti gli uomini i quali devono cooperare per stabilire la fratellanza universale, la pace, la giustizia, e la verità sulla terra.

Si badi però che anche tra gli ortodossi ci sono coloro che non credono nella venuta del Messia come persona.

Altra opinione diffusa in seno al popolo ebreo di oggi, che esclude la venuta di un Messia personale, è quella che dice che il Messia sia il popolo d’Israele stesso, il Servitore del Signore, che nell’adempiere la missione affidatagli da Dio, cioè nel portare il Regno di giustizia e di pace sulla terra, soffre a motivo dell’opposizione degli uomini. In questa maniera vengono spiegate le sofferenze del popolo ebraico passate e presenti; in altre parole gli Ebrei starebbero soffrendo per la redenzione dei Gentili.

Vogliamo adesso spendere qualche parola per spiegare cosa dicono gli Ebrei sul Messia che deve venire. Il Messia per gli Ebrei è un re unto da Dio della casa di Davide di Betlemme, che alla fine dei tempi Dio manderà a dare inizio alla redenzione finale. Il Messia della casa di Davide però sarà preceduto da un altro messia che è della casa di Giuseppe, il quale guiderà le armate di Israele contro Gog e Magog, ma rimarrà ucciso nella guerra che scoppierà. Il Messia della casa di Davide distruggerà alla fine le forze malefiche e guiderà con l'aiuto del profeta Elia il raduno degli esiliati. Durante il regno del Messia, principe della pace, avrà luogo la resurrezione dei morti, seguita dal grande giorno del giudizio.

 

Indice