7. Esistono ancora sacerdoti e Leviti tra gli Ebrei? E se sì, che funzioni svolgono nel culto della religione ebraica?

 

Sì, esistono ancora sia i sacerdoti che i Leviti.

I sacerdoti (kohanim) svolgono un ruolo secondario nel rituale della sinagoga. Essi pronunciano in sinagoga la benedizione sacerdotale (Num. 6:24-26) ogni giorno, ogni sabato o ogni festa, secondo il costume del luogo. Vengono chiamati per prima alla lettura della legge (in ebraico questa chiamata ha nome aliyah ‘salita’), e officiano nella cerimonia del riscatto del figlio (pidyon ha-ben) che ha luogo per ogni primogenito maschio quando il bambino ha 30 giorni.

I sacerdoti hanno questi obblighi; non possono sposare una convertita, una divorziata o anche risposare la moglie dalla quale hanno divorziato. Essi non si devono contaminare con i morti eccetto con il cadavere di un parente stretto. Nei cimiteri ebraici i sacerdoti vengono seppelliti in una parte separata.

I cognomi moderni che sono varianti della parola ebraica kohen (particolarmente il nome Cohen) indicano solitamente (non sempre quindi) che la persona che lo porta è di discendenza sacerdotale.

Per ciò che concerne i Leviti il loro ruolo è ancora meno rilevante infatti sono chiamati alla lettura della legge subito dopo i sacerdoti e lavano le mani dei sacerdoti prima della benedizione sacerdotale.

 

Indice