12. Il fatto che Gesù, in relazione alla sua seconda venuta, abbia detto che quanto a quel giorno e quell’ora nessuno li sa, significa che invece per ciò che concerne il mese o l’anno o il secolo qualcuno li sa?

 

Evidentemente no, è sottinteso infatti in quella sua espressione che anche per ciò che concerne il mese o l’anno o il secolo in cui avverrà il suo ritorno NESSUNO LI SA. E poi, rifletti, se ciò non fosse sottinteso non si capirebbe proprio perché Gesù abbia ripetuto più volte di vegliare, di stare attenti (cfr. Mar. 13:33;35,37), e prima di essere assunto in cielo abbia detto espressamente ai suoi discepoli: "Non sta a voi di sapere i tempi o i momenti che il Padre ha riserbato alla sua propria autorità" (Atti 1:7). Come non si capirebbe affatto perché Paolo parlando del ritorno del Signore ai santi di Tessalonica gli abbia detto: "Or quanto ai tempi ed ai momenti, fratelli, non avete bisogno che vi se ne scriva; perché voi stessi sapete molto bene che il giorno del Signore verrà come viene un ladro nella notte" (1 Tess. 5:1-2).

Dunque, quanto alla data del ritorno del Signore NESSUNO SA sia l’ora, che il giorno, che il mese, che l’anno, che il secolo. Nessuno vi inganni con vani ragionamenti.

 

Indice