14. I miei cani verranno in paradiso con me?

 

No, non verranno con te in paradiso perché i cani, come tutti gli altri animali, non hanno un anima che alla morte si diparte per andare o in cielo o all’inferno. Gli animali hanno sì uno spirito o un soffio come ce lo abbiamo noi esseri umani che quando si ritira provoca la morte e fa ritornare alla polvere sia loro che noi, e quindi da questo punto di vista noi esseri umani non abbiamo nessuna superiorità sulle bestie secondo che è scritto: "Poiché la sorte de’ figliuoli degli uomini è la sorte delle bestie; agli uni e alle altre tocca la stessa sorte; come muore l’uno, così muore l’altra; hanno tutti un medesimo soffio, e l’uomo non ha superiorità di sorta sulla bestia; poiché tutto è vanità. Tutti vanno in un medesimo luogo; tutti vengon dalla polvere, e tutti ritornano alla polvere" (Eccl. 3:19-20). Ma gli animali non hanno un anima razionale e cosciente che dopo la morte continua ad esistere in un luogo ultraterreno in uno stato cosciente. A conferma di ciò c'è anche il fatto che essi non hanno la capacità di accettare o rifiutare il Vangelo, perchè il continuare a vivere in paradiso dipende dall'accettazione del Vangelo sulla terra mentre il continuare a vivere all'inferno dipende dal rifiuto del medesimo Vangelo, facoltà questa che invece l'essere umano, fatto a immagine e somiglianza di Dio, possiede. Questo dunque conferma che gli animali non possono avere una anima come noi.

 

Indice