30. Perché questo mondo è così pieno di malvagità? Perché gli uomini sono disonesti, omicidi, ingiusti, spietati, ipocriti, ecc. ecc.?

 

A motivo del peccato che è entrato nel mondo tramite il primo uomo, cioè Adamo, e che regna nella loro vita, in altre parole perché essi sono schiavi del peccato. Gli uomini quindi non possono fare a meno di peccare perché sono suoi servi. Ma c’è qualcosa d’altro da dire a tale proposito, e cioè che dato che il peccato è qualcosa che il diavolo vuole che sia compiuto perché questo essere malvagio prende piacere in tutto ciò che dispiace a Dio, è il diavolo che spinge gli uomini a peccare a più non posso. Essi in altre parole sono nelle sue mani e lui ne dispone facendoli peccare del continuo con la loro mente e le loro opere. Quando Paolo definisce il diavolo "quello spirito che opera al presente negli uomini ribelli" (Ef. 2:2) non vuole dire altro che il diavolo opera negli uomini spingendoli a fare ogni sorta di malvagità. Per cui noi possiamo dire – in base all’insegnamento biblico – che gli uomini sono quello che sono, cioè malvagi, ingiusti, omicidi, ecc., perché sono sotto la potestà del diavolo, del principe della potestà dell’aria. Per usare dunque una espressione biblica essi sono dal diavolo perché il diavolo pecca dal principio (cfr. 1 Giov. 3:8).

Noi Figliuoli di Dio invece, essendo stati riscattati dalla potestà di Satana e posti sotto la potestà di Dio, non siamo più schiavi del peccato, cioè il peccato non ci signoreggia più (cfr. Rom. 6:14). Siamo dunque liberi rispetto al peccato, e questo grazie alla morte di Cristo Gesù che sulla croce ha annullato il peccato (cfr. Ebr. 9:26). Il suo morire fu dunque un morire al peccato (cfr. Rom. 6:10), per cui noi che siamo morti con lui al peccato, cioè che siamo stati crocifissi con lui, non serviamo più al peccato (cfr. Rom. 6:6). L’apostolo Giovanni dice che noi che siamo nati da Dio non siamo schiavi del peccato perché il seme di Dio dimora in noi e non possiamo peccare perché siamo nati da Dio (cfr. 1 Giov. 3:9). E qual è questo seme se non la sua Parola vivente e permanente tramite la quale Lui ci ha rigenerati?

La differenza dunque tra i peccatori e noi che siamo nati da Dio, è che loro sono schiavi del peccato essendo sotto la potestà del diavolo, mentre noi siamo stati affrancati dal peccato mediante la fede in Cristo Gesù. Perché non ci sentiamo più spinti a peccare continuamente come quando eravamo nelle tenebre? Perchè non prendiamo più piacere a fare il male come prima di conoscere Dio? Semplice, perché siamo stati affrancati dal peccato.

 

Indice