Quello che crediamo e insegniamo

Demonologia

  

Satana (ovvero il diavolo) è un essere spirituale malvagio che tiene sotto la sua potestà tutto il mondo. Egli ha al suo servizio degli esseri spirituali malvagi che sono i seguenti: i principati, le potestà, i dominatori di questo mondo di tenebre e le forze spirituali della malvagità che sono nei luoghi celesti. Satana è bugiardo, padre della menzogna, ed è omicida; egli odia l’umanità e procaccia del continuo il suo male convincendola con l’inganno a trasgredire i comandamenti di Dio (ecco perché è chiamato quello spirito che opera al presente nei figli della disubbidienza).

Gesù Cristo, il Figlio di Dio, mediante la sua morte ha distrutto Satana; Egli ha trionfato su Satana e su tutti i suoi ministri (i suddétti esseri spirituali) per mezzo della croce. Per mezzo della fede nel nome di Gesù Cristo, dunque, gli uomini possono essere affrancati dalla potestà di Satana.

Esistono molti uomini e donne che sono posseduti da demoni, cioè da spiriti malvagi. Questi spiriti malvagi inducono i posseduti a comportarsi malvagiamente sia contro i loro propri corpi che contro gli altri esseri umani. I demoni conferiscono ad alcune persone dei poteri soprannaturali per fargli compiere segni e prodigi. Nel nome di Gesù Cristo noi possiamo cacciare gli spiriti maligni. Gli spiriti maligni sanno che quando vengono sgridati e viene loro ordinato nel nome di Gesù Cristo di uscire dal corpo dove dimorano, essi devono ubbidire. Ci sono degli spiriti maligni che non escono se non mediante la preghiera e il digiuno.

Satana ci tenta e ci combatte per sviarci e farci rinnegare il Signore Gesù Cristo. Per non rimanere vittime delle macchinazioni di Satana, noi dobbiamo vegliare e pregare del continuo, sottometterci a Dio e resistere a Satana; se facciamo queste cose, le macchinazioni di Satana contro di noi non avranno successo. Noi non dobbiamo ridicolizzare Satana.

Satana e tutti gli esseri spirituali che sono al suo servizio un giorno saranno gettati nel fuoco eterno, dove saranno tormentati per l’eternità.

 

Indietro