Quello che crediamo e insegniamo

Visioni, sogni, rivelazioni

  

Dio parla agli uomini mediante visioni e sogni, o soltanto mediante una voce (in questo caso dunque senza l’ausilio né di una visione né di un sogno). Quando Egli parla agli increduli lo fa per menarli a Cristo Gesù, vale a dire per salvarli dai loro peccati e dalla perdizione eterna. Quando Egli parla ai santi lo fa per incoraggiarli, confortarli, riprenderli, ammaestrarli, avvertirli. Dio può fare conoscere ai santi un evento che ancora deve accadere, un evento nascosto già avvenuto, la vera identità di una persona, e può dire loro di andare in un certo luogo o di fare una determinata cosa. Dio può anche rivelare la presenza di spiriti maligni in una persona o in un luogo.

Dio non può mentire e quindi non può rivelare un evento futuro che poi non accade o un evento che non è accaduto. Nel caso dunque di una predizione di un evento futuro, se essa non si adempie chi ha fatto la predizione l’ha fatta per presunzione; e nel caso qualcuno dica che il Signore gli ha rivelato un evento già avvenuto, se quel fatto non è accaduto vuol dire che chi ha parlato ha mentito. Dio non può rivelare dottrine che annullano la Sacra Scrittura, come non può rivelare un altro Vangelo, o un presunto ‘Vangelo completo’ o una presunta ‘pienezza del Vangelo’ come se il Vangelo che è scritto nella Bibbia fosse incompleto. Tutte quelle visioni, tutti quei sogni e tutte quelle rivelazioni che risultano essere presuntuose, mendaci e contrarie all’insegnamento della Scrittura vanno rigettate senza esitazione.

Dio qualche volta ci guida anche mediante visioni, sogni e rivelazioni. Ho detto ‘qualche volta’ perché non sempre Dio si usa di questi mezzi per farci andare in un luogo, o far fare qualcosa di particolare, o farci incontrare qualcuno. Nella maggior parte delle situazioni Dio ci guida mediante le Scritture, gli impulsi che lo Spirito di Dio ci dà internamente in una direzione o nell’altra, e mediante le circostanze che Lui crea e cambia secondo il consiglio della Sua volontà.

 

Indietro