Un miracolo in un campo di granoturco

 

Adesso che io ho dato questa testimonianza concernente un animale, io vorrei raccontarne un’altra che concerne un campo agricolo.

Quando quelle riunioni furono terminate, io mi recai a sessanta miglia lontano, per delle altre riunioni. Vi erano tante persone. Tutto procedeva in maniera normale. Ma questo non era sufficiente per soddisfare il Signore. Io pregai, digiunai, piansi, e predicai nella maniera migliore che potei. Ma non ci fu veramente del successo. Io predicai sei sere prima di fare un appello per la conversione. La settima sera era una domenica.

Io mi recai nella mia camera, mi gettai di traverso sul letto, e gridai a Dio con tutte le mie forze. Quando guardai il mio orologio, erano le tre e trenta di mattina. Ottenni qualche incoraggiamento, ma sentivo che io non potevo ancora fermare le riunioni. Uscii e dissi: ‘Dite a tutti che ci sarà ancora una riunione questa sera!’ Poi io tornai a pregare nella mia stanza.

Poco dopo, venne un uomo, e chiamò gridando. Il padrone di casa uscì. Chi lo chiamava era il fratello di sua moglie. Quest’ultimo gli disse: ‘Jim, se io fossi in te, arerei il tuo campo di granoturco e vi seminerei del grano saraceno perché i vermi te lo stanno ripulendo!’ – ‘E’ vero, io riconosco che tu hai ragione. Sono andato a ispezionarlo domenica, e ho visto che tutto stava per essere mangiato!’ Dopodiché l’uomo partì.

Mentre essi stavano facendo colazione (quel mattino io digiunavo), il fratello di questo uomo venne a sua volta, e disse: ‘Hei, Jim!’ Jim uscì. Suo fratello gli disse: ‘Jim, se io fossi in te, arerei il tuo campo di granoturco per seminarvi del grano saraceno!’ – ‘Will è appena venuto e mi ha detto la stessa cosa!’ – ‘Occorreva che tu lo facessi durante l’inverno! Ciò avrebbe ucciso tutti i vermi!’ – ‘Sì, lo so. Ma durante tutto l’inverno, o l’uno o l’altro dei miei cavalli era troppo menomato per poterlo fare. Io dunque non ho potuto arare. E io non ho i mezzi per affittare un tiro di cavalli. Io credo che ho fatto del mio meglio!’ Suo fratello partì. Io avevo sentito tutta la conversazione.

Quest'uomo e la sua moglie erano tutte e due salvati. Io uscii, e dissi loro: ‘Fratello e sorella, io penso che voi abbiate fatto del vostro meglio per cercare di arare questo campo durante l’inverno, ma voi ne siete stati impediti dalle circostanze’. Essi furono d’accordo con me. Io allora parlai loro di Bolly, e della piccola ragazza che era stata guarita. Essi cominciarono a guardarsi in faccia. Essi non avevano mai sentito delle testimonianze di guarigione, e ancora meno della guarigione di una giumenta, e non avevano neppure sentito dire che dei vermi potevano essere distrutti mediante la fede".

Io allora lessi loro dei passaggi delle Scritture sulla guarigione e sulla bontà di Dio. Io dissi loro: ‘Io sono sicuro che Dio nella Sua bontà si interessa, non solamente del nostro corpo, ma anche di tutti gli aspetti della vita dei Suoi figliuoli. Io credo che Gesù può uccidere quei vermi! – ‘Fratello Bevington, hai già sentito parlare di qualche cosa di simile?’ – ‘No, non penso. Ma voi siete tutti e due dei suoi figliuoli. Voi vi siete appena installati qua, voi siete sposati da meno di un anno, e voi non avete i mezzi. Io credo che voi abbiate fatto del vostro meglio. Potete voi unirvi a me, per attaccare quei vermi mediante la fede?’

Ho dimenticato di dire che lui aveva cominciato ad arare circa un mezzo ettaro a gennaio, ma egli si era ammalato e aveva dovuto fermarsi. Io dissi loro: ‘Volete voi affidare il vostro campo a Dio e lasciargli l’incarico di uccidere quei parassiti, prima di ripiantare?’

La cosa era completamente nuova per loro. Io non ricevetti dunque una risposta molto rapida. Aspettai fino al mattino successivo, poi gli rifeci la mia proposta. Io gli dissi: ‘Voi non siete obbligati a perdere tutti quei semi e tutto il frutto del vostro lavoro!’ I semi erano partiti, ma il frutto del loro lavoro non era perduto.

Io presi la mia Bibbia e lessi in Amos e altrove dei passaggi dove era mostrato che Dio aveva protetto dei raccolti. Verso le dieci, io vidi che la fede entrava nel loro cuore. L’indomani mattina, io presentai di nuovo questo problema al Signore nella preghiera, ricordandogli certe cose che Lui aveva fatto, e insistendo sul fatto che lui era capace di farle ancora oggi.

Dopo aver pregato, io discesi e feci pressione su loro perché io vedevo che essi lo meritavano. Ma essi erano ignoranti e non sapevano che Dio poteva intervenire in quel modo. La giovane moglie mi disse: ‘Io so che Dio può fare questo, ma …’ – ‘Stop! Niente ‘ma’ qua!’ Ella si mise a ridere.

Un’ora e mezza più tardi, noi ci stavamo dirigendo verso il loro appezzamento di tre ettari che era stato invaso dai vermi. Noi eravamo molto calmi. Nessuno mi disse una parola durante tutto il tragitto. Quando noi fummo arrivati al campo, io dissi loro: ‘Che facciamo adesso?’ L’uomo guardò sua moglie. Ella abbassò la testa. Il granoturco era alto una decina di centimetri. Il fratello mi disse: ‘Fratello Bevington, pensi tu che Dio può uccidere tutti questi vermi, o anche che lui lo vuole?’ – ‘Ditemi, vi prego, perché Egli non lo vorrebbe!’

La mia osservazione li confuse. Sua moglie disse: ‘Fratello Bevington, prima del tuo arrivo, noi non avevamo mai sentito dire che Dio faceva tali cose! E’ certo che lui lo può fare!’ Suo marito aggiunse: ‘Che ne dici Fratello Bevington?’ – ‘Dio può farlo, e lo farà, se noi possiamo credere tutti e tre che tutto è possibile!’ L’uomo disse: ‘Sei certo che Egli vuole farlo?’ – ‘Sì, io ne sono certo!’ – ‘In questo caso, che fare? Noi ti seguiremo!’ – ‘Bene, seguitemi!’

Noi andammo a piazzarci al centro dell’appezzamento. Io dissi loro: ‘Siamo noi ben d’accordo che Lui lo vuole fare?’ Lui chinò il capo. Io pregai affinché noi fossimo uniti e sentii che noi eravamo tutti e tre d’accordo nel cuore. Presentai allora la mia richiesta. Man mano che io avanzavo nella mia preghiera, io sentii che si installava una pace perfetta. Non si sentiva nessun rumore. Io parlavo a voce bassa, come in un mormorio, ma io sentivo la potenza e la presenza di Gesù.

Poco dopo, la sorella cominciò a dire dolcemente, a voce bassa: ‘Oh, gloria a Dio, gloria a Dio!’ E suo marito aggiunse: ‘Amen, amen!’ Essi continuarono per un momento. Io pregai senza fermarmi, domandando che tutti i vermi fossero uccisi. Poi mi rialzai. Ella fece un passo a fianco, raccolse una manciata di terra e disse: ‘Oh! Fratello Bevington, guarda! Ci sono dieci vermi, tutti morti!’

Noi ci mettemmo a piangere tutti e tre, senza dire una parola. Poi l’uomo cominciò a ridere, e disse: ‘Certamente, è un prodigio!’ Si abbassò e raccolse una manciata di terra. Contò sette vermi morti. Egli disse: ‘E’ tutto proprio come tu hai domandato nella tua preghiera!’

Noi ritornammo a casa lodando il Signore. Venti minuti più tardi, il fratello della moglie ritornò dalle sue corse e disse: ‘Ara il tuo campo, perché la tua raccolta è perduta. Io ci sono passato proprio ora. Ho raccolto un pugno di terra e vi ho contato otto vermi!’

Io aspettai che qualcuno parlasse. Siccome tutti e due erano silenziosi io dissi: ‘Sì, ma tutti quei vermi erano morti!’ Mi guardò come se io gli facessi pietà. Era un cristiano abituato alle sue riunioni in casa, che non credeva molto a tutto quello che non usciva dalla sua riunione di casa. Io gli dissi: ‘Io sono pronto a darti un centesimo per ogni verme vivente che troverai in quell'appezzamento di granoturco!’ – ‘D’accordo! Sarà del denaro guadagnato facilmente! Prepara il tuo portafoglio!’ Prese una misura per aridi e uscì.

Sua sorella salì al primo piano per poter osservarlo. Egli percorse tutto il campo, e rientrò a casa sua passando per il bosco. Egli non tornò mai a reclamarmi quello che io avevo nel mio portafoglio! Il mio padrone di casa inumidì un po’ di granoturco, ripiantò il suo campo, e ottenne una bella raccolta.

Quella fu la prima e l’ultima volta che io mi avventurai in questo campo. Io non fui più condotto a fare questo genere di preghiera. Ma questo ci mostra semplicemente che Dio è per noi, come lo mostra la Sua Parola, nel libro di Amos, e come lo prova la nostra testimonianza. Il Signore accorda una buona raccolta a uno e distrugge la raccolta di un altro.

L’anno successivo, noi rivedemmo questa coppia a Cincinnati. Il fratello raccontò a tutti la sua testimonianza durante il corso di una riunione all’aria aperta. Dio fu glorificato, e questo motivò molte persone ad andare più lontano con il Signore. Lodiamo Dio per l'interesse che egli mostra per noi, per noi che siamo i suoi figliuoli’.

 

Tratto da: Guy C. Bevington, Miracles extraordinaires obtenus aujourd’hui par la prière et la foi [Miracoli straordinari ottenuti oggigiorno tramite la preghiera e la fede], Codognan (Francia) 1997, pag. 238-242

 

Indice